DIRTY 12 CLEAN 15 (OCCHIO AI PESTICIDI)

DIRTY 12 CLEAN 15 (OCCHIO AI PESTICIDI)

Back
Quante volte mi avete sentito dire di preferire il biologico?

Purtroppo viviamo in società in cui le grandi multinazionali, le grandi industrie alimentari e non, fanno largo uso di sostanze chimiche, senza troppo preoccuparsi degli effetti che i residui tossici nell'ambiente, nell'acqua, nel cibo, nei cosmetici, nei prodotti di uso casalingo, possono avere sulla salute dell'uomo.

Negli stati uniti un'organizzazione non-profit, Environmental Working Group (EWG), ha come scopo quello di tutelare la salute dell'uomo e dell'ambiente. Un gruppo di scienziati, ricercatori, avvocati, esperti di politica, lavorano per preservare la salute pubblica quando governi e industrie non lo fanno (facendo solo i propri interessi). EWG cerca di aumentare la consapevolezza nei consumatori, rendendoli in grado di scegliere con maggior sicurezza e conoscenza i prodotti che acquistano e decidono di portare nelle loro case.

Ogni anno EWG pubblica un elenco dei cibi con maggior residui di pesticidi e di cibi con meno residui.
Motivo in più per scegliere di acquistare bio quei cibi maggiormente a rischio.

Quanto pericolose sono queste sostanze chimiche? Alcune non hanno documentati effetti negativi, ma altri sono associati ad alterazioni dell'equilibrio ormonale, agendo da interferenti endocrini, a danni al sistema riproduttivo, a problematiche neurologiche, al cancro, a ritardo nella crescita e lo sviluppo.

I dati si riferiscono agli Stati Uniti, fortunatamente in Europa alcuni pesticidi sono proibiti.
EWG tuttavia spiega come quando un pesticida viene bandito, può essere sostituito da un altro altrettanto pericoloso.
Queste sostanze vengono utilizzate in vari stadi del processo produttivo, anche direttamente nel suolo... per cui non è sufficiente sbucciare frutta e verdura per essere sicuri.

Per il 2017 di seguito l'elenco dei cibi a più alto contenuto di residui "pericolosi" (DIRTY 12):
1. FRAGOLE
2. SPINACI
3. NETTARINE
4. MELE
5. PESCHE
6. PERE
7. CILIEGIE
8. UVA
9. SEDANO
10. POMDORI
11. PEPERONI DOLCI
12. PATATE

Questi i cibi meno a rischio:
1. MAIS DOLCE
2. AVOCADO
3. ANANAS
4. CAVOLO
5. CIPOLLE
6. PISELLI
7. PAPAYA
8. ASPARAGI
9. MANGO
10. MELANZANE
11. MELONE A POLPA BIANCO/VERDE
12. KIWI
13. MELONE A POLPA ARANCIONE
14. CAVOLFIORE
15. POMPELMO

Biologico sempre per la prima lista, per la seconda potete rifornirvi anche da piccoli produttori locali, a km 0, anche se non strettamente biologici.
Informatevi, date un'occhiata nei dintorni, in ogni città e paese è possibile trovare piccole realtà che raccolgono frutta e verdura giornalmente, mettendovi a disposizione il loro raccolto stagionale.

Un consiglio in più... coltivate almeno le erbe aromatiche, bastano anche dei vasetti casalinghi, basilico, prezzemolo, rosmarino, salvia, origano, sentirete che profumo e che aroma per le vostre preparazioni!

Qui di seguito il link a EWG https://www.ewg.org/

SEGUIMI SU

Contact

Richiedi un appuntamento

close