DONNA E GRAVIDANZA (prima parte)

DONNA E GRAVIDANZA (prima parte)

Back
L’equilibrio ormonale nella donna (così come anche nell’uomo) è fondamentale per un ciclo mestruale regolare, per la fertilità, per l’umore, per il benessere in generale.
Lo stile di vita può influire notevolmente e creare quelle condizioni ottimali per permettere al corpo femminile di esprimersi nella sua interezza, di bambina, adolescente, giovane donna e mamma.
La fertilità è strettamente correlata al ciclo mestruale durante il quale si sviluppa l’ovocita che potrà essere fecondato oppure eliminato durante la mestruazione.

Affinchè le ovaie funzionino bene c’è bisogno di un buon flusso ematico ricco di ossigeno.
Per fare ciò che questo avvenga è necessario mantenersi ben idratati in modo che il sangue risulti sempre fluido, fare regolarmente esercizio fisico, massaggiare la zona addominale a livello delle ovaie e dell’utero (da eseguire con personale esperto che fornisca le indicazioni per il massaggio, quando farlo, come farlo, quando non farlo – no al fai da te).
Il ciclo mestruale risente fortemente dello stress, della dieta, della presenza di interferenti endocrini, come molte sostanze presenti nell’ambiente, nella plastica, nei cosmetici, in alimenti quali la soia ed i derivati.
In alcuni casi l’utilizzo mirato di integratori multivitaminici specifici per la donna, di antiossidanti come il coenzima Q10 Ubichinolo e L-ariginina possono migliorare e sostenere lo sviluppo dell’ovocita.

La dieta è particolarmente importante perché le scelte alimentari di ogni giorno forniscono ciò che è indispensabile al corretto funzionamento di organi e apparati.

Evitare le diete low fat, i grassi ed il colesterolo sono importantissimi per la produzione ormonale e per le membrane cellulari.

Alcol e caffè sono da evitare così come il fumo di sigaretta.

Eliminare inoltre: zucchero, dolcificanti, cereali e derivati raffinati, bevande zuccherate, grassi idrogenati e trans di natura industriale, alimenti conservati o trasformati, OGM, carne, latticini, uova e pesci di allevamento intensivo.
Eliminare la soia ed i derivati (in casi di scelte dietetiche vegetariane/vegane è tollerata la forma fermentata come il tempeh).

Una dieta che supporti l’equilibrio degli ormoni sessuali ed un ciclo mestruale regolare:
- Deve essere ricca in vegetali, ortaggi, piccoli frutti, possibilmente biologici e di produzione locale.
- Deve prevedere un consumo regolare e frequente di pesce, pescato possibilmente nei mari italiani, specialmente di piccola taglia come sardine, sgombri, alici oppure pesci dei mari freddi (Alaska) come il salmone selvaggio, il merluzzo.
- Prevede il consumo di carne e latticini di animali da pascolo nutriti con erba e fieno per tutto il tempo dell’anno (i latticini vanno evitati in presenza di disequilibrio ormonale come nella sindorme dell’ovaio policistico, l’endometriosi).
- Prevede il consumo di pollame e uova di animali ruspanti, allevati all’aperto.
- È ricca di fibre di verdure e frutta, noci e semi, legumi e cereali integrali.
- I cereali ed i derivati sono di natura integrale, e preferibilmente naturalmente privi di glutine come il riso, il grano saraceno, l’amaranto, la quinoa, il sorgo, il miglio, l’avena, il teff e sono consumati in porzioni adeguate ai fabbisogni (sembra esserci un’associazione tra celiachia ed infertilità, e consumo di glutine e infertilità immunologica, per cui è necessario un consumo consapevole di cereali).
- Apporta grassi mono e polinsaturi, vitamina E, zinco e proteine provenienti da noci e semi.
- Comprende grassi buoni di olio evo, olio di cocco extra vergine, avocado, latticini interi (ad eccezione dei casi visti sopra), del pesce, delle uova e delle carni di animali di allevamenti non intensivi.
- Prevede l’utilizzo di spezie anti infiammatorie e anti ossidanti come lo zenzero, la curcuma, la cannella.

Alcuni dei cibi da portare in tavola:
- Uova, intere, albume e tuorlo, per il loro contenuto di grassi buoni, colesterolo, vitamina D, B12 e proteine nobili.
- Noci e semi perché apportano grassi mono e polinsaturi, zinco, vitamina E e proteine.
- Carne grass fed, ricca di omega 3, ferro, vitamina B12 e proteine.
- Verdure a foglia verde per l’apporto di ferro, folati, vitamina B6 ed E.
- Frutta biologica e di produzione locale, ricca di vitamina C, flavonoidi e una miriade di anti ossidanti.
- Pesce e frutti di mare per l’apporto di vitamina D, omega 3, zinco, selenio, vitamina B12, coenzima Q10.
- Fegato, ricco di vitamina D, zinco, selenio, ferro, folati, vitamina B12, coenzima Q10.
- Legumi per l’apporto di ferro e folati, di fibre (dopo ammollo di una notte di acqua).
- Latticini da animali al pascolo per la vitamina D (ghee), B12 e zinco.
- Olio extravergine di oliva per la presenza di grassi mono e polinsaturi, vitamina E, beta carotene, tocoferoli e polifenoli.

Così facendo, la donna pone delle ottime basi per una possibile gravidanza, ottimizzando lo stato nutrizionale pre gravidico, importantissimo ai fini della salute della mamma e del feto.
Seguono nella seconda parte alcuni consigli per la donna in gravidanza.

SEGUIMI SU

Contact

Richiedi un appuntamento

close